Crescita Personale

Fin da piccoli ci hanno sempre insegnato che “l’equazione” della nostra vita dovesse essere questa:

–> studia, trovati un lavoro fisso in un’azienda solida, trovati un buona fidanzata/o, sposati, metti su famiglia, comprati una casa indebitandoti per 30/35 anni, vai in pensione e poi… muori!

Sbaglio?

Credo proprio di no…

Questo articolo sono certo che per molti sarà un po’ scomodo.

Puoi sempre smettere di leggere l’articolo ora e continuare a giocare a Pokemon Go!

Torniamo a noi…

Siamo “venuti su” così e fino a 15/20 anni fa forse quell’equazione poteva anche andare bene.

Ma oggi?

Avere una laurea oggi conta molto meno rispetto agli anni dei nostri genitori.

Per capirlo ti faccio una domanda:

Quante persone conosci che hanno una laurea in mano, anche magistrale, ed oggi fanno fatica a trovare lavoro o sono disoccupati?

Bene ti sei risposto…

Perchè la laurea oggi si è così “svalutata”?

Prevalentemente per 2 motivi.

In primis il “mercato” dell’informazione oggi, rispetto a 20 anni fa, è molto più raggiungibile e soprattutto a costo zero (o quasi).

Oggi comodamente da casa o dal proprio smartphone è possibile reperire informazioni su qualsiasi cosa in ogni momento della giornata.

L’altro motivo, semplicemente intuibile anch’esso, è che molte professioni che 20 anni fa erano una “sicurezza” oggi nemmeno esistono di più.

Ti dice niente chi lavora al mc donald ed ha una laurea in beni culturali o filosofia? (senza nulla togliere a chi lavora al mc ovviamente).

Per non parlare del lavoro in banca!

30 anni fa se dicevi alla tua famiglia che avevi trovato lavoro in banca, si “sciabolava” immediatamente.

Se fai la stessa cosa oggi è tanto se ti becchi un “bravo”!

Parliamo un attimo del lavoro “sicuro”…

Quante persone conosci che lavorano da 10 anni come dipendente e che sprizzano gioia da tutti i pori?

Quante persone conosci invece che la domenica sera sono in uno stato depressivo pesante per via del lunedì che sta per arrivare?

Il problema non è il lunedi, ma la tua occupazione!

 

Uno stipendio medio quanto è oggi? 1200/1300€?

Ok, spiegami come puoi ritenerti al “sicuro” con una cifra del genere.

Quando lavoravo come dipendente pagavano il 10.

Aspettavo tutto il mese quel fatidico giorno!

In quel giorno finalmente il mio conto in banca si ricaricava. Peccato che già il 12 dello stesso mese 3/4 di quei 1200€ si fosserò già volatilizzati.

Conosci qualcuno in questa situazione?

Come si fa ad aspettare ogni mese il giorno dello stipendio per “prendere aria”, ma rendersi conto che tra casa, macchina, bollette varie, spesa, benzina ecc… quei 1200€ sono già bruciati ed hai davanti a te ancora 25 giorni prima della prossima “boccata d’aria”?

–> Io te l’avevo detto che questo articolo non sarebbe stato una passeggiata! <–

Parliamo ora invece, del sistema Ponzi legalizzato al quale tutti i “polli” fanno affidamento dopo 40 anni di vita infelice passati a fare sempre la stessa cosa dal lunedì al venerdì…

40 anni amico mio…

Fermati a pensare un attimo, 40 anni sono quasi metà della nostra vita, passati come dei robot a fare sempre le stesse cose…

Possibile che siamo nati per questo?

Perdonami per questa deviazione…

Torniamo allo schema Ponzi per eccellenza!

Nel caso tu non lo sappia, uno schema Ponzi non è altro che un sistema dove inserisci continuamente persone che mettono del “grano” fresco e tutti i guadagni degli altri sono dovutiai nuovi “adepti” che cacciano altro “grano” fresco e così via.

 

Stiamo parlando della tanto amata e sperata pensione!

Perchè tanto amata e sperata!

Beh ci credo! Sempre ricollegandoci al discorso fatto prima, un essere umano che fa per 40 anni come un robot sempre le stesse cose tutti i santi giorni, è ovvio che attenda come non so cosa il giorno della pensione!

Finalmente sei arrivato al così tanto atteso giorno dove i soldi arrivano anche se tu hai smesso di lavorare!

E sei FELICE…

 

Come dici?

Felice un cazzo?

Ti capisco…

Ti guardi allo specchio e capisci che si, sei arrivato alla pensione, ma hai i capelli bianchi e molte rughe in più…forse anche qualche “acciacco” qua e là, e non è che ti rimangano ancora millenni da vivere.

Eppure ora sei libero non è vero?

Libero con i tuoi 600/700€ di pensione meritati!

Ah perchè non lo sapevi che andrai in pensione con il 40% (se ti va bene) di quello che prendevi in età lavorativa?

Questo perchè lo schema Ponzi più grande del mondo, la pensione, sta per collassare!

Why?

Uno schema ponzi funziona bene quando c’è sempre gente fresca che “entra” e che caccia il grano fresco!

Non appena non c’è più gente fresca che entra, lo schema Ponzi collassa.

Ed è la stessa situazione che sta accadendo all’Inps oggi.

Fino a 25/30 anni fa tutti avevano un lavoro (i cosiddetti nuovi e freschi dell’esempio di prima) e quindi potevano pagare i contriBBButi a quelli che erano in pensione!

Oggi tra tasso di disoccupazione alle stelle e “fancazzisti” lo schema Ponzi chiamato INPS non avendo più tanti soldi freschi che entrano è costretto a mandare in pensione quei poveracci che domani ci andranno, con 4 lire. Questo ovviamente per mantenere in piedi la baracca!

Immagina per un secondo che bello amico mio che stai leggendo…

Hai sputato sangue per 35/40 anni della tua vita, 40 ore a settimana, saltando da un lavoro all’altro per 4 spiccioli.

Tutto quello che hai sempre guadagnato finiva ancora prima che arrivasse sul tuo conto corrente.

(questo accade perchè in Italia c’è una cultura finanziaria imbarazzante!)

Non ti sei mai concesso più di qualche settimana di vacanza a jesolo o a riccione.

Al ristorante prima di ordinare, sul menù, hai sempre guardato prima la colonnina di destra rispetto a quella di sinistra!

L’unico momento di riposo l’hai sempre avuto nel week end,dove per la stanchezza e stress dovuti al lavoro la maggior parte delle volte lo passavi a casa sul divano davanti alla tv.

Per poi arrivare alla pensione in condizioni peggiori di quando facevi comunque una vita infelice, ma per lo meno rimanevi a galla!

Dimmi…

La puoi chiamare VITA questa?

Ecco perchè ho intitolato questo articolo così…

GENERAZIONE 40/60/90!

Poichè se nulla cambia, una marea di persone si ritroveranno ad aver lavorato 40 ore a settimana fino alla “tenera” età di  60 anni (se sei fortunato) per poi ritrovarsi a 90°!

Si a 90° vecchio mio!

E ti farà anche male, molto male!

Perciò, se sei arrivato fino a qui, e la situazione che ti ho descritto un po’ ti deprime e ti spaventa, prima che sia troppo tardi… CAMBIA!

Li fuori è pieno di opportunità che ti permettono di andartene in pensione un pochino prima dei 60 anni!

Un pochino prima che ti vengano i capelli bianchi!

Un pochino prima che sia troppo tardi!

Io 4 anni fa ho scelto, proprio per questo, di iniziare a lavorare nell’industria del Network Marketing!

E ad oggi, è stata una delle più sagge decisioni che abbia mai fatto!

Non esiste solo il network questo è certo!

Ma è senza dubbio il modo più facile e a costo (quasi) zero di iniziare una TUA attività ed essere libero entro i prossimi 5/6 anni.

Visto che il futuro, se continui a fare sempre le stesse cose, è già scritto…

Cos’hai da perdere?

Cosa da guadagnare invece?

Da perdere, non perdi niente!

Da guadagnare invece… c’è la tua VITA!

 

Al tuo successo

Renato

 

P.S…. Se l’articolo ti è piaciuto CONDIVIDILO con i tuoi amici!

PPS… Iscriviti alla newsletter per rimanere aggiornato sui prossimi articoli!